ALLA SCOPERTA DI PRAGA: ITINERARIO DI 3 GIORNI

Praga conosciuta anche come la città delle 100 torri, la madre delle città e città d’oro, mi ha lasciato letteralmente a bocca aperta. Me l’hanno sempre descritta come una di quelle città dove il cibo e la birra costa poco, con i night club come principale attrazione turistica. Ma da subito, mentre pianificavo l’ itinerario, ho capito che c’ era molto di più. Una volta arrivato, ho avuto la sensazione di essere catapultato nel 1400, non mi sarei mai aspettato di trovare un’atmosfera cosi magica, fiabesca e surreale.

Sono partito a Giugno, sfruttando 3 giorni di ferie lavorative, ho scelto Praga perché è una città relativamente piccola e avendo solo pochi giorni a disposizione, avrei avuto il tempo sufficiente per visitarla tutta.

Consiglio di andare nel periodo che va da inizio settembre a fine ottobre, d’ estate le temperature in città possono arrivare anche a 35 gradi, invece d’ inverno fa troppo freddo e non è il massimo se si vuole scoprire la città a piedi, esplorando le piccole vie del centro storico, macinando tanti km.

Ero già stato nelle vicine Cracovia e Bratislava, ma secondo me, Praga è un’ altra storia. L’ aeroporto Vaclav Havel, dista circa 20 km dalla città, fortunatamente avevo il transfer gratuito compreso nel prezzo dell’ostello, in ogni caso ci sono tanti servizi navetta che partono molto frequentemente dall’aeroporto e in 30-40 minuti si arriva a destinazione.

Ho prenotato un letto in camerata da 4 persone, al Dream Hostel Prague, proprio a due passi da piazza San Venceslao, forse uno dei migliori ostelli dove abbia mai alloggiato, si respira un’ aria giovane, pulita e lo staff è gentile e disponibile. Subito dopo aver fatto il check in ed essermi sistemato in camera, sono partito alla scoperta di questa città magica. La moneta ufficiale è la corona ceca, quindi per prima cosa sono andato alla ricerca di un negozio cambia valute. Dopo aver chiesto ai ragazzi dell’ostello e un po’ in giro, ho trovato Praha Exchange, situato proprio in una traversa di piazza San Venceslao, ed è stato veramente conveniente.

Praga è una città da girare a piedi, per scoprire ogni angolo e farsi sorprendere. E’ attraversata dal fiume Moldava, che la divide a metà, il nucleo storico della città è formato da sei parti: Stare Mestro, Mala Strana, Hradcany, Josefov, Nove Mestro, Vysehrad.

IL MIO ITINERARIO

Primo giorno: Staré Mestro e Josefov

Staré Mestro il quartiere vecchio di Praga, è senza dubbio, il quartiere più turistico di Praga. Si può visitare tutto il quartiere a piedi, nelle sue strade, si concentra la maggior parte delle “cento torri”. Consiglio, soprattutto se si viaggia da soli e si vuole avere qualche nozione in più, di partecipare al Free tour Praga, un tour guidato, completamente gratis, che parte ogni mattina, dalla piazza della città vecchia(Old Town Square).

Proprio in questa piazza troviamo il Municipio, la Chiesa di Nostra Signora Tyn, la Chiesa di San Nicola e la celebre Torre Astronomica, conosciuta per il suo Orologio Astronomico, alta 52 metri,è l’immagine più famosa di Praga, sul quale, oltre all’ora, sono rappresentate le posizioni del sole e della luna. Allo scoccare di ogni ora si aziona il “Corteo degli Apostoli”, ipnotizzando i passanti e turisti.

La Torre delle Polveri, a 500 metri dalla piazza principale, è una delle più belle di praga, in stile gotico. Dirigendoci verso nord, troviamo Josefov, il quartiere ebraico.

Assolutamente da visitare la Sinagoga Vecchia-Nuova e la Synagoga Pynkas, in memoria degli ebrei cechi deportati.

L’ Antico Cimitero Ebraico, dove vennero seppelliti più di 100.000 corpi.

Chiudo la giornata, visitando il ponte più famoso, il Ponte Carlo, uno dei più spettacolari d’ Europa, lungo 500 metri e largo 20, collega la città Vecchia al quartiere Mala Strana. E’ anche possibile salire sulla Torre del Ponte, con i suoi 138 scalini, per godere di una vista unica.

Secondo giorno: Hradcany e Mala Strana

Hradcany è la città che fu edificata nel XIV secolo, all’esterno delle mura del Castello.

Il Castello di Praga, risale al 1200 ed è il castello antico più esteso al mondo, si tratta proprio di una cittadella con piazze, vicoli e chiese.

La Cattedrale di San Vito è la chiesa più grande della città, una struttura imponente in stile gotico, alta 124 metri. E’ possibile salire sulla Torre per godere di una vista spettacolare su tutta la città.

Il Vicolo D’oro è una viuzza coloratissima, all’interno del complesso del castello. Nelle sue case colorate, vissero i migliori alchimisti d’Europa, lo stesso Franz Kafka visse al n° 22. Ad oggi le case del vicolo sono diventare negozi di souvenir per turisti.

Mala Stana chiamata la Città Piccola, fu fondata nel 1257, ai piedi del castello.

Malostranské Namestì, raggiungibile dal Ponte Carlo,è la piazza che fa da cuore del quartiere.

La Chiesa di San Nicola è una chiesa gesuita, bellissima esteriormente e con degli interni magnifici.

L’Isola Kampa è il giardino più centrale e visitato di Praga, raggiungibile con la funicolare, in partenza da Ujezdt.

Muro di John Lennon situato nella Piazza del Gran Priorato, è un muro in memoria del cantante, simbolo di pace e libertà.

Il Monte Petrin è un parco dove si trova la Torre Petrin, il belvedere più famoso della città.

Terzo giorno: Nove Mestro e Vysehrad

Nove Mestro (Città Nuova) fu fondata attorno a tre grandi mercati, del fieno del bestiame e dei cavalli. E’ una delle zone più grandi di Praga.

Piazza San Venceslao, il cuore della Città Nuova, dove si trovano tantissimi ristoranti, negozi e locali notturni. Ha un grandissimo valore storico politico in quanto ebbe un ruolo centrale nella caduta del comunismo.

Il Museo Nazionale è uno degli edifici più rappresentativi della città, in stile neo-rinascimentale.

La Casa Danzante è un edificio situato sulle sponde del fiume Moldava, raffigura due ballerini mentre danzano. All’ultimo piano si trova una terrazza panoramica da cui ammirare di una vista spettacolare, bevendo un caffè.

Per concludere l’itinerario, ho scelto la fortezza di Vysehrad, la zona più antica di Praga, consiglio di percorrere a piedi il parco e il perimetro delle mura. Il suo nome significa Castello dall’alto, infatti una volta arrivati in cima, la vista lascia letteralmente a bocca aperta.

La Chiesa di Santi Pietro e Paolo bellissima chiesa completamente in stile gotico, fu ricostruita a seguito di un incendio a fine XIX secolo.

Cimitero di Vysehrad, costruito nel 1869 è il luogo di sepoltura di molti personaggi famosi come lo scrittore Jan Neruda e il poeta Paulo Neruda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...